Dal sindacalismo rivoluzionario al corporativismo fascista
14,4 €
Area 14 – Scienze politiche e sociali
     
SINTESI
Il volume si focalizza sulla tradizione intellettuale sindacalista, che iniziò come forma revisionista del marxismo per poi evolversi gradualmente in una sorta di corporativismo nazionalista, la componente teorica più importante del fascismo italiano. Nella trattazione, l’autore svela le debolezze del regime e dimostra come il fascismo fu al contempo popolare ed elitista, moderno e tradizionale, pro e anticapitalista, nazionalista e antitaliano, totalitario e anticollettivista.
pagine: 556
formato: digitale
ISBN: 978-88-255-2072-9
data pubblicazione: Marzo 2019
editore: Aracne
collana: Cronogrammi | 31
SINTESI
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto