Il concetto di amicizia in Dante
La trasformazione di un concetto classico
28,00 €
16,8 €
Area 10 – Scienze dell'antichità, filologico-letterarie e storico-artistiche
     
SINTESI
Nel mondo antico, l’amicizia era una virtù di grande importanza filosofica. Aristotele ha scritto ampiamente sull’argomento, così come Cicerone. La loro idea di amicizia, intesa come relazione basata sulla ragione e sulla virtù, è stata trasformata dal cristianesimo in un rapporto fondato sull’amore reciproco tra un individuo e Dio. Nel volume l’autrice propone delle letture acute della Commedia, della Vita Nuova e del Convivio volte a dimostrare l’interesse di Dante per il tema e mette in evidenza, attraverso un’interpretazione nuova e sagace, come egli abbia intrecciato le idee contraddittorie di amicizia classica e cristiana in una sintesi armoniosa in cui essa è diventata portatrice di salvezza e felicità. Il concetto di amicizia in Dante coinvolgerà medievalisti, classicisti e studiosi dell’amicizia di tutte le epoche.
pagine: 304
formato: 17 x 24
ISBN: 978-88-255-2199-3
data pubblicazione: Marzo 2019
editore: Aracne
collana: Dante nel mondo | 14
SINTESI
EVENTI
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto