fotoZAgrafando
Cesare Zavattini fotografo di realtà “altre”
15,00 €
9,00 €
Area 11 – Scienze storiche, filosofiche, pedagogiche e psicologiche
     
SINTESI
Parlando di lui Zavattini parlava anzitutto di se stesso. Strand, uno dei più apprezzati fotografi del Novecento, il primo, appunto, con cui elaborò un libro (1955) intessuto di didascalie e immagini che reciprocamente si commentavano, aveva in comune con lo scrittore uno schietto e profondo senso democratico. (Silvana Cirillo)
Zavattini: un filosofo, tra l’altro, del fotografare. Un filosofo delle realtà virtuali, seminali, infantili: com’è infantile, seminale, virtuale la fotografia, in quanto accesso immediato al reale. Assume infatti un preciso significato il fatto che Zavattini, parlando “tanto” di sé e della propria poetica “bambina”, facesse poi scivolare il discorso sulla fotografia. (Nicola Siciliani de Cumis)
Tutti i pensatori chiamati in causa, pur nella loro abissale eterogeneità, convergono in una messa in questione dei presupposti teoreticistici che hanno confinato la filosofia in una dimensione separata e autosufficiente rispetto ai processi storici e alla vita concreta degli individui. Quel che viene messo in luce è che questa automutilazione della filosofia diventa inevitabile fino a quando essa continuerà a interpretarsi come la più alta forma di conoscenza e a rivendicare uno statuto privilegiato e fondativo nei confronti degli altri saperi. (Paolo Vinci)
A nostro avviso, nel senso e lungo la delineata scia della nostra ipotetica — ma poi neanche tanto — contro-storia dell’arte contemporanea, va posta l’analisi, anch’essa decentrata, di Aldo Demartis sui temi del “se stesso e gli altri” e sulla fotografia. (Claudio Crescentini)
pagine: 244
formato: 17 x 24
ISBN: 978-88-548-0161-5
data pubblicazione: Gennaio 2015
editore: Aracne
collana: Diritto di stampa | 5
SINTESI
INDICE
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto