Interazione e riconoscimento
10,00 €
6,00 €
Noemi Patete
Prefazione di Vincenzo Costa
Introduzione di Giovanni Maddalena
Area 11 – Scienze storiche, filosofiche, pedagogiche e psicologiche
     
SINTESI
Come nasce la comunicazione? E soprattutto come si diventa se stessi, visto che il nostro io si forma all’interno di una società e di un complesso gioco tra Self e Me, tra le esigenze dell’io e il suo necessario dipendere dal riconoscimento della società? Quali sono i valori attorno a cui questo io si può sviluppare? Attraverso l’opera di G.H. Mead l’autrice esplora il problema della nascita e dello sviluppo della soggettività liberando l’analisi della comunicazione da una direzione introspettiva e psicologista e spostandola verso l’analisi dei gesti significativi. Ma se Mead funge da guida nella discussione, altri autori, quali Honneth, Habermas, Blumer, Hannerz, Winnicott, Freud, e sotterraneamente anche la tradizione fenomenologica, fanno la loro comparsa. Un libro innovativo e ricco di spunti di riflessione, che pone da un lato l’esigenza di una rinnovata discussione tra fenomenologia e pragmatismo, dall’altro indica le direzioni che una fenomenologia della comunicazione dovrebbe imboccare e in che senso, lungo questa strada, essa sia costretta a riprendere aspetti e motivi importanti della tradizione pragmatista.
pagine: 148
formato: 17 x 24
ISBN: 978-88-548-8687-2
data pubblicazione: Aprile 2016
editore: Aracne
collana: Diritto di stampa | 92
SINTESI
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto