Neo-atlantismo e “apertura a sinistra”
Nei report del Foreign office 1953-1962
15,00 €
Area 10 – Scienze dell'antichità, filologico-letterarie e storico-artistiche
     
SINTESI
Lo stretto intreccio esistente tra l’azione di Mattei e alcune propensioni della politica estera italiana e la disponibilità del petroliere italiano a operare sul piano internazionale valendosi in modo spregiudicato dell’appoggio politico del governo, sollevarono forti paure a Londra, spesso montate da una campagna mediatica ben costruita contro Mattei.
Basti pensare all’accordo stipulato tra l’ENI e l’Unione Sovietica nel 1960, che fece temere che l’Europa occidentale potesse essere invasa dal petrolio russo, peraltro venduto molto più a buon mercato di quello mediorientale.
Il volume di Matilde Ateneo ricostruisce puntualmente il dibattito sollevato all’interno del governo britannico e nelle principali compagnie petrolifere inglesi dalle iniziative del petroliere italiano, mettendo bene in luce la diversità nelle percezioni sviluppatesi nell’ambasciata britannica e nelle multinazionali e il loro impatto sulla politica di Londra.
pagine: 280
formato: 15 x 21
ISBN: 978-88-7351-878-5
data pubblicazione: Settembre 2015
marchio editoriale: Città del Sole Edizioni
editore:
SINTESI
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto