La politica dei poeti
Mito e logos alle origini della filosofia politica
10,00 €
6,00 €
Area 14 – Scienze politiche e sociali
     
SINTESI
L’affermazione platonica secondo cui i filosofi dovrebbero farsi re o i re dovrebbero convertirsi alla filosofia inaugura un progetto destinato a segnare profondamente la tradizione filosofico–politica occidentale. Alla sua base vi è l’idea che la vita politica possa essere riordinata soltanto per mezzo della filosofia e che solo le leggi del logos possano garantire la realizzazione del regime migliore. Il gesto fondatore con cui per la prima volta viene messa in scena la filosofia va considerato però alla luce di ciò che lo precede e lo rende possibile: quel gesto sacrificale, quel fuoco purificatore in cui, racconta la leggenda, il giovane poeta Platone avrebbe gettato le sue tragedie per seguire la via della filosofia. È la filosofia stessa che da questa cesura originaria si organizza, che nasce dalle ceneri di quel fuoco e si mette in opera respingendo ciò che la minaccia nel suo progetto politico: la poesia e il suo sapere degenerato, incapace di ogni abilità ermeneutica e normativa, incapace di fondare razionalmente o metafisicamente ogni progetto etico–politico. Da qui, l’espulsione rituale del poeta dalle piazze della città e dal dominio della verità, con cui si concretizza la condanna platonica del sapere mitico e poetico e che sanziona non solo la separazione fra filosofia e poesia, ma anche uno dei più solidi e duraturi assi della filosofia politica occidentale.
pagine: 140
formato: 14 x 21
ISBN: 978-88-255-1312-7
data pubblicazione: Marzo 2018
marchio editoriale: Aracne
collana: Teoria politica | 16
SINTESI
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto