La concezione di verità in Michel Foucault
13,00 €
7,8 €
Area 11 – Scienze storiche, filosofiche, pedagogiche e psicologiche
     
SINTESI
Il senso complessivo del lavoro intende proporre la filosofia come un “discorso della modernità e sulla modernità”. Attraverso le originarie matrici kantiane, è possibile tracciare due percorsi paralleli caratterizzanti la concezione che Foucault ebbe della verità: da una parte, l’analitica della verità, desumibile dall’impianto complessivo delle tre critiche (e, segnatamente, della Critica della capacità di giudizio); dall’altra, l’ontologia del presente, ricostruibile attraverso i due testi (del 1784 e del 1798), intitolati, rispettivamente, Che cos’è l’Illuminismo e Il conflitto delle facoltà. La “Parresia” pone dunque una questione cruciale nella storia del pensiero: può seriamente ritenersi che la verità pre-esista alla sua manifestazione? La verità, in tale specifica accezione, è intesa come terapia per evitare il deterioramento dell’anima provocato dall’opinione della moltitudine.
pagine: 236
formato: 14 x 21
ISBN: 978-88-255-2968-5
data pubblicazione: Maggio 2020
marchio editoriale: Aracne
SINTESI
EVENTI
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto